Cavallo in fuga a Palermo, paura e feriti

Una foto del cavallo protagonista di questa storia. Fonte: Geapress

Panico nelle strade ieri a Palermo, non solo per chi si trovava in strada quando un cavallo ha cominciato a correre impazzito, dopo essersi liberato dei finimenti che lo legavano alla carrozza, risultata abusiva, ma anche per lo stesso animale che per la folle corsa ha riportato diverse ferite.

Tutto è successo in un attimo. Sembra che la carrozza, a bordo della quale c’erano dei turisti napoletani, nelle vicinanze del porto, si sia trovata stretta tra due automobili. Le briglie si sono rotte, il vetturino si è dato alla fuga, di lui ieri si è trovata solo una scarpa, mentre il cavallo ha cominciato la sua corsa e solo in piazza Marina, i vigili urbani sono riusciti a bloccarlo. Continua a leggere

Annunci

Gli arabi e i cavalli

L’aria del Paradiso è quella che soffia tra le orecchie di un cavallo“.

E’ una frase che ho sentito una volta, qualche anno fa, quando ho frequentato per un pò un corso di arabo e che ho ritrovato, pensate un pò al maneggio Horse Club, recitata da Alì, il padre di Youssef, il fantino più bravo che c’è 🙂

E’ una frase bellissima. Che sa di purezza, tranquillità e che racconta di un rapporto tra l’uomo e il cavallo che ha quasi del soprannaturale.

Continua a leggere

Cronaca di un sequestro

Un’immagine dai controlli

Ve l’ho detto, in questo blog si parla anche di cronaca che abbia a che fare con i cavalli…e quindi ecco…

Tra Vittoria e Acate, in provincia di Ragusa, i militari del Nucleo Antisofisticazione Sanità (Nas) e i veterinari dell’Azienda Ospedaliera Pronviale, nel fine settimana appena concluso, hanno fatto una serie di controlli in diverse stalle, per verificare che i cavalli, ospitati nei box, fossero in condizioni igienico-sanitarie degne di questo nome e che non si trattasse di animali detenuti illegalmente.

I controlli, in particolare, hanno riguardato otto stalle e coinvolto 30 cavalli.

Continua a leggere

Non chiamateli peli

Ecco i sensori/Peli tattili/vibrisse 🙂

Ve la ricordate la storia di Cuandos con le mani…anzi…la bocca nel pastone che gli aveva preparato Cristina? Intanto io ve lo ricordo mettendovi il LINK…in ogni caso l’altro giorno stavo parlando proprio di questo quando ho ricevuto un’occhiata accusatoria 🙂

Io: Lo dovevi vedere Cuandos…aveva cibo su tutto il corpo
Lui: Veramente?
Io: Si, veramente, ce l’aveva anche su tutti i peli che si trovano sotto il mento che sono stati trasformati in dread

Continua a leggere

Una spuntatina ai denti

Come potrete ben capire l’argomento denti ci è molto a cuore. I denti di Cuandos sono speciali, tanto da fare di lui Il cavallo Freak, ma i denti di tutti i cavalli vanno tenuti sotto controllo.

Perchè? Perchè crescono e possono fare danni seri.

I cavalli che vivono in natura limano i loro denti contro gli alberi ed è come se trovassero il dentista a portata di mano. Quelli che vivono nei maneggi invece vanno aiutati…
Continua a leggere

Cavallo di ritorno

Un cavallo che pascola

Siamo in tema “modi di dire“. Quando non sono a cavallo, e in questo periodo, purtroppo, sta accadendo un pò troppo spesso (ma so che recuperò prestissimo), faccio la giornalista e qualche anno fa mi sono imbattuta in una di quelle frasi che mi hanno lasciato…come si potrebbe dire…interessata 🙂

Insomma, questi (polizia o carabinieri, non ricordo) parlavano di Cavallo di Ritorno come se io dovessi saperlo e io facevo finta di sapere di cosa stessero parlando…ovviamente!!!!

Continua a leggere

Tricheco ci mancava

Eccolo il lato migliore del mio freak 🙂

Cuandos entra in campo per la sua gara.

Gianni: Bello quel cavallo
Pinotto: Si si
Gianni: Guarda come si muove
Pinotto: E come salta!!!!
Gianni: Non li vedi che muscoli???
Pinotto: Peccato per quei denti!!!

Io comincio a ridere

Gianni: Che poi come farà a mangiare?
Pinotto: Forse gli mettono le cose in bocca!
Gianni: Ma non glieli possono limare fino a farli sparire?
Pinotto: Non lo so. Sembra un castoro!!!
Gianni: Secondo me è più simile ad un tricheco!!! Continua a leggere