“Ciao Mari, come sta Cuandos?”

Muso da monello

Muso da monello

Ho creato un mostro.

La maggior parte dei miei amici non ha mai visto Cuandos dal vivo. Più che altro si è fatta ammorbare dai miei racconti e ha letto il blog.

Ed è proprio quest’ultimo il “problema”. Pare che Cuandos, con il suo blog, susciti non poca simpatia. Cosa che d’altronde non può che farmi piacere.

E allora, quando la sera esco ed incontro quegli amici che non l’hanno mai visto in faccia e li saluto, loro la prima cosa che mi dicono qual è? “Ciao Mari, come sta Cuandos?” Ebbene si. L’ultima è successa proprio sabato sera quando stavo per rincasare.

Continua a leggere

Annunci

Posso mangiare la tua scarpa?

Scarpa masticata

Scarpa masticata

Se tu dai un pezzo di pane a Cuandos lui penserà che tu stessa sei un pezzo di pane…e allora saranno cavoli tuoi!!!!

Sabato pomeriggio ho evitato di fare quello che faccio tutti i sabati di pomeriggio, cioè dormire… mi sono invece armata di libro (quale oggetto del mistero da portare al maneggio Horse Club), macchina fotografica, sacchetto pieno di pane secco e me ne sono andata al maneggio di buon’ora.

Tanto per cominciare vi dico subito che al maneggio c’era la situazione giusta: non c’era nessuno 🙂

Così con Cuandos nel paddock, Chicco e Rudy di compagnia, era tutto perfetto.

Continua a leggere

Cavalli & Segugi

Cavalli e segugi, nella versione originale Horse & Hound, è la più antica rivista britannica di equitazione. Pensate che viene pubblicata, ogni settimana, dal 1884.

Diciamoci però la verità, qui in Italia questa testata la conosciamo per ben meno nobili motivi.

Ce lo ricordiamo tutti, nel 1999, un simpaticissimo e impacciatissimo Hugh Grant che per potere parlare con Julia Roberts, nel film Notting Hill, si fingeva corrispondente proprio di Cavalli e Segugi.

E allora una delle clip l’ho messa proprio qui sotto.

Il film l’ho rivisto recentemente. Per quanto è tenero sorrido e mi emoziono ogni volta, facendomi venire voglia di Londra.

Opale

principessa-zaffiroLo possiamo considerare famoso il cavallo della Principessa Zaffiro? Secondo me si.

Intanto non so quanti di voi sanno che quel cavallo bianco ha un nome: Opale.

Non mi dite che appartenete ad una di quelle generazioni che non hanno mai visto questo cartone animato, perché allora è il caso che voi non leggiate più questo blog.

Se comunque siete ancora qui vi dico che la principessa Zaffiro è la legittima erede al trono di Silverland. Ora, il cartone era un po’ più vago sul suo essere un po’ maschio e un po’ femmina, in verità nel manga si spiega benissimo che Zaffiro, grazie all’angelo Tink era un po’ e un po’, apparendo così quasi come un’eroina versione maschiaccio.

Continua a leggere

Galoppare con le mani

fotoNo, non sono diventata cretina.

Lo so che non si può galoppare con le mani e so anche, al contrario di tanta gente, la differenza che c’è tra uno zoccolo e un ferro.

Detto questo…

I vostri genitori vi hanno mai fatto sentire il rumore del galoppo dei cavalli utilizzando solo le loro mani?

Mio padre si e, anche i miei nonni, quando ero bambina lo hanno fatto per me, prima che imparassi da sola a provocare quel rumore che oggi mi piace tanto.

Allora, il movimento è semplice.

Continua a leggere