Iniziative benefiche a favore dei cavalli

993832_555203214563254_1504079482_nCavalli fortunati e cavalli meno fortunati. E allora copio e incollo qui di una iniziativa organizzata da Fise Sicilia dal titolo “A Caval Donato…”. Il primo appuntamento è la Festa del Cavaliere, ma con i nostri amici con coda e criniera si può essere buoni tutto l’anno.  Continua a leggere

Annunci

Un cavallo di 700 mila anni

DSC_0747Lo Studio è stato pubblicato sulla rivista Nature e dice che il genoma più antico al mondo, risalente a ben settecentomila anni fa, è quello di un cavallo.  La ricerca è stata condotta presso i laboratori del Museo di Storia Naturale dell’Università di Copenaghen dove il team di ricercatori è partito da un dato di fatto “è possibile sequenziare genoma antico di 70/80 mila anni”, per poi andare ancora oltre, ovvero lavorare su qualcosa con un po’ più di storia alle spalle.

Partendo da questo presupposto i genetisti hanno scoperto che l’antenato del genere Equus, quello da cui provengono cavalli, asini e anche zebre, è arrivato sulla terra quasi quattro milioni e mezzo di anni fa, cioè molto prima di quanto si sia sempre immaginato e creduto.   Continua a leggere

Da cavalli ad asini

foto (1)E’ un po’ di tempo che qui sul blog di Cuandos non si leggono proverbi dedicati ai cavalli, allora corriamo subito ai ripari. Il titolo di oggi “da cavalli ad asini” non è altro che un vecchio proverbio che dice chiaramente come, in qualche modo, si sia perso prestigio, fama o privilegi, passando da una situazione particolare ad una sicuramente più svantaggiata.

Anche se entrambi gli animali, cavallo o asino, hanno per me una dignità per me uguale, sicuramente la storia ci insegna che i primi sono stati sempre utilizzati per stare insieme all’uomo, per essere i loro destrieri, mentre gli altri sono stati sempre relegati ai lavori più duri.

Continua a leggere

Passo, trotto e galoppo

foto (3)Quelle del titolo sono le tre andature del cavallo. Qualche giorno fa, mentre dalle tribune guardavano Daniele preparare i puledri, abbiamo cominciato a fare un pò di ripetizioni sul nozioni che hanno a che fare con i cavalli. Perché se hai la passione per un animale come il cavallo, qualcosina la devi pur sapere, no?

La migliore di noi è Cristina, diciamo che quando si parla di notizie tecniche sui cavalli lei è la secchiona del gruppo. Sa anche i nomi dei muscoli, io questo per lo riservo per una delle prossime e soprattutto future lezioni.

Cmq, ritornando alle chiacchiere di qualche giorno fa, ci siamo soffermati sulle differenze che ci sono tra il passo il trotto e il galoppo, che sono differenze di andatura, come detto!

Continua a leggere

I party della notte

Muso da monello

Muso da monello

Al maneggio Horse Club la sera si fanno delle feste dove sono ammessi pochissimi “clienti” e Cuandos è uno degli organizzatori 🙂

Che succede? Succede che il mio grigio ha capito come uscire dal suo box quando tutti vanno a casa, per dirigersi dritto dritto verso il fieno, solo che non è l’unico ad averlo capito, in totale sembra che siano tre i furboni che si incontrano tra i corridoi della scuderia fortunatamente chiusa a chiave (non lo voglio neanche pensare dove potrei ritrovare Cuandos se avesse anche le chiavi del cancello 🙂 ).

La tecnica è semplicissima. Tutti se ne vanno e Cuandos comincia a prendere a spallate la porta del suo box…dagliene una, dagliene un’altra ed ecco che la porta si apre e lui esce libero e felice, magari a fare le pernacchie a quelli che invece sono rimasti chiusi.

Continua a leggere

“Ti dipingo di verde”

Il mio bel monello

Il mio bel monello

Sapete che il mio cavallo dipinge? E volete sapere qual è il suo colore preferito? Verde, verde erba.

Ok, qualche tempo fa, su questo blog avevamo parlato di Cholla, il cavallo pittore. Bene, Cuandos non fa esattamente quello che faceva Cholla, Cuandos ti macchia, indelebilmente.

Di che cosa sto parlando? Vengo e mi spiego. E’ chiaro, quando vado al maneggio so benissimo che tutto quello che si potrà fare di me una volta a casa ha a che fare solo con una lavatrice disinfettante. I miei vestiti si sporcano di sabbia, di sudore mio e di Cuandos, di terra dove vado a sedermi, dei peli dei cani che ogni tanto mi scambiano per una di loro…e stavolta anche della bava verde di Cuandos dopo avere gozzovigliato immerso in un pezzo di prato verde.

Continua a leggere

La magia degli Appaloosa

Non è appaloosa ma selvaggio si :)

Non è appaloosa ma selvaggio si 🙂

Sempre più spesso, andando a seguire i ragazzi di Horse Club che gareggiano in giro per la Sicilia, mi capita di vedere cavalli pezzati. I loro mantelli a chiazze sono meravigliosi, nessuno è mai uguale all’altro e guardando le macchie di ognuno di loro non si può non sognare, perchè, almeno io, ci vedo sempre forme e disegni pazzeschi. In fondo le macchie non sono un pò come le nuvole?

Gli Appaloosa sono cavalli originari del Nord America e i nativi americani li utilizzavano per la caccia al bisonte. Se pensate che per definire il loro mantello sia sufficiente dire che è a chiazze vi sbagliare di grosso. Ogni pezzatura ha il suo nome: leopardo, fiocco di neve, brina, marezzato, coperta macchiata e coperta bianca.

Continua a leggere