Happy Hour col fantasma

fotoMi chiamo Cuandos e vedo e sento i fantasmi! Ieri pomeriggio è successo due volte”
Ecco, ha fatto outing, e io meglio di così non avrei saputo dirlo. Quel pazzo cavallo che non dovrebbe spaventarsi di niente per quanto è alto si spaventa anche dell’ombra sua figuriamoci delle cose che si muovono. Così un uccello che passa e fa qualche grido strano magari per lui è qualche mostro dell’aria che vuole tentare di attaccarlo; un pezzo di albero caduto per terra potrebbe essere un serpente marino venuto appositamente per sbranarlo; una carriola piena di terra e lasciata incustodita potrebbe sembrare invece qualche mostro venuto da lontano; per non parlare delle tende che si muovono, quelle non potrebbero, ma sono, fantasmi che si avvicinano pericolosamente.

E di tende vogliamo parlare. Perché ieri pomeriggio dopo avere fatto la nostra ora di allenamento insieme e dopo avere sudato entrambi da morire, ci siamo regalati una passeggiata tra l’erba, che detto meno romanticamente vuol dire che ho portato Cuandos fino al primo spiazzo di verde che ho trovato nel maneggio 🙂 Continua a leggere

Annunci

“Ti dipingo di verde”

Il mio bel monello

Il mio bel monello

Sapete che il mio cavallo dipinge? E volete sapere qual è il suo colore preferito? Verde, verde erba.

Ok, qualche tempo fa, su questo blog avevamo parlato di Cholla, il cavallo pittore. Bene, Cuandos non fa esattamente quello che faceva Cholla, Cuandos ti macchia, indelebilmente.

Di che cosa sto parlando? Vengo e mi spiego. E’ chiaro, quando vado al maneggio so benissimo che tutto quello che si potrà fare di me una volta a casa ha a che fare solo con una lavatrice disinfettante. I miei vestiti si sporcano di sabbia, di sudore mio e di Cuandos, di terra dove vado a sedermi, dei peli dei cani che ogni tanto mi scambiano per una di loro…e stavolta anche della bava verde di Cuandos dopo avere gozzovigliato immerso in un pezzo di prato verde.

Continua a leggere

Campa cavallo che l’erba cresce

Qui l’erba c’è

Non ve l’ha detto mai nessuno o non lo avete detto voi mai a nessuno Campa cavallo che l’erba cresce? In parole povere vuol dire “aspetta aspetta tanto quello che aspetti non accadrà mai” e certo non era necessario che lo spiegassi io.

Ma perchè il cavallo?

Perchè il detto, come tutti i detti, deriva da un aneddoto antico antico. Sicuramente più antico di me e, ancora più certamente, più antico di Cuandos. Continua a leggere